Simona Russo, un’europea del Sud.

Orgogliosa di esserlo!

Sono Simona Russo, ho 34 anni, dal 2013 vivo e lavoro a Bruxelles.

Nata a Napoli e poi per motivi di studio mi sono trasferita prima in Francia a Tolosa, per il progetto Erasmus e poi a Milano dove mi sono laureata in Scienze politiche e di Governo.

A Bruxelles lavoro per il segretariato del Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo, nello specifico per la piattaforma del Gruppo S&D chiamata Forum Progressista Mondiale (Global Progressive Forum) insieme ad Enrique Guerrero Salom, presidente della piattaforma ed europarlamentare del PSOE (Partito Socialista Spagnolo).

In questi anni ho lavorato per rafforzare i rapporti delle forze socialiste europee con le forze socialiste nel mondo, mantenendo vivo il dialogo tra i socialisti e democratici europei e le organizzazioni della società civile ed il mondo sindacale europeo ed internazionale. Ho seguito diversi dossier, dove le priorità sono state la difesa dei diritti umani, delle minoranze etniche e di genere, la difesa dei diritti dei lavoratori e la cooperazione tra i paesi del sud del mondo.

Sono Iscritta al PSI dal 2010. Nel Partito, ho ricoperto alcuni incarichi. Membro del Consiglio Nazionale, ho fatto parte della Direzione Nazionale ed in questi anni ho lavorato nel Dipartimento Esteri occupandomi dei rapporti con il PSE (Partito Socialista Europeo) come membro del team di coordinamento. Faccio parte del team della Fondazione Salvador Allende con sede a Santiago del Cile. Per la Fondazione seguo diversi progetti con i partner europei e amo definirmi allendista convinta.

Sono profondamente legata alla mia terra, il Meridione di Italia, a cui ho sempre dedicato e continuerò a dedicare forte attenzione. C’è bisogno di più Sud in Europa e di più Europa nel Sud e non è scontato. Mi impegno a dare voce ai giovani e meno giovani della nostra terra pieni di potenzialità e talenti. Il nostro Sud non può e non deve restare nell’ombra!